Il caso Mladič davanti al Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia

Data evento: Mar, 12/12/2017 - 10:00 - 12:00

Data: 
Mar, 12/12/2017 - 10:00 - 12:00

PRESENTAZIONE DELL'EVENTO
Nei giorni scorsi si sono verificati due episodi di rilievo che riguardano sentenze di condanna emesse da una giurisdizione penale internazionale per crimini di massa (omicidi, deportazioni) compiuti all’inizio degli anni ’90 nei confronti della popolazione musulmana nella ex Jugoslavia. L'episodio più recente, al quale la stampa ha dato molto rilievo, concerne Slobodan Praljak, generale dell’esercito croato-bosniaco. Quest’ultimo era stato condannato dal Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia a 20 anni di reclusione: tale condanna è stata confermata il 29 novembre 2017, in una seduta durante la quale Praljak si è suicidato bevendo del veleno in aula. Una settimana prima, il 22 novembre, lo stesso Tribunale ha condannato all’ergastolo Ratko Mladič, comandante militare dei serbo-bosniaci, per crimini di guerra, contro l’umanità e genocidio commessi nella Bosnia-Erzegovina, negli anni dal 1992 al 1995, a Sarajevo e a Srebrenica. Per fatti avvenuti nel medesimo contesto era stato condannato per crimini di guerra, contro l’umanità e genocidio anche il capo politico dei serbo-bosniaci Radovan Karadžić, a 40 anni di reclusione.
Il 12 dicembre abbiamo la fortuna di ospitare, a conclusione dei corsi di Diritto internazionale attivi presso il Dipartimento giuridico, la Prof. Flavia Lattanzi, già titolare della cattedra di Diritto internazionale nell’Università degli studi di RomaTre, che negli anni dal 2003 al 2007 è stata giudice del Tribunale penale internazionale per il Rwanda e, dal 2007 alla fine del 2016, del Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia. Potremo ascoltare le valutazioni dei casi recenti dalla voce di una studiosa di grande livello, che ha partecipato direttamente ai lavori dei Tribunali penali internazionali.

vedi locandina